Tra Campiglia Marittima e Suvereto in un classico percorso della Val di Cornia
campiglia e suveretoUn percorso di media difficoltà per dislivello ma scorrevole e panoramico con scorci bellissimi sulla Val di Cornia.
Partenza da Venturina Terme in direzione Cafaggio pedalando un breve tratto asfaltato della suveretana fino ad un rudere di casetta rossa dell’ANAS dove inizia un sentiero che condurrà fino alla strada che collega Campiglia Marittima al Cafaggio. Si prosegue passando un ponticello verso l’inizio della larga strada sterrata detta “carrarmato” che porta fino a Suvereto. Al bivio delle Volpaiole si prende a sinistra iniziando a salire su un percorso che sull’ultimo tratto mette alla prova la tecnica su strappi e tra le pietre. Il panorama alla fine della salita appaga lo sforzo e dopo una sosta per catturare qualche immagine si prosegue verso il vecchio ospedale di Campiglia Marittima dove sulla destra, all’ingresso del paese, inizia il panoramico e scorrevole stradone sterrato del Marmo Rosa.
Tra sali scendi panoramici si può pedalare anche a una discreta velocità data la scorrevolezza del fondo però solo fino ai castagni perché dopo, nella zona delle vecchie cave di marmo, il terreno diventa durissimo e pietroso dove occorre una buona esperienza per tenere la mtb in discesa in velocità. La sosta per ammirare le vecchie cave di marmo che emergono dalla vegetazione è d’obbligo anche perché alcuni di questi marmi sono stati usati anche in alcune chiese fiorentine.  Per noi lo spunto per due foto prima di ripartire è una buona pausa. Dalle vecchie cave inizia una lunga discesa divertente ma impegnativa fino a valle passando per la zona delle “Foreste” ricca di castagni.
Arrivati a valle la nostra deviazione in traccia è stata verso Suvereto ma si può optare anche per il rientro verso Venturina Terme ripercorrendo la strada del Carrarmato. Proseguendo invece per il sentiero in traccia ci si può divertire su un bellissimo single track, a tratti tecnico, che porta fino a pochi metri dall’abitato di Suvereto passando per il bosco.
Da Suvereto il rientro è sempre consigliato per il Carrarmato ripercorrendo il tratto dell’andata. Questo percorso di circa 35 km e 750m di dislivello in ascesa, è un classico e permette di godere di panorami bellissimi sulla Val di Cornia e, nelle giornate limpide, anche sulle isole dell’arcipelago toscano. La nostra sosta di ristoro consigliata è a Suvereto dove sarà possibile anche di rifornirsi di acqua. La primavera, l’inizio dell’estate e l’autunno sono le stagioni più indicate per questo percorso.
#outdoorsportvaldicornia #etruschideiboschi #mtblifestyle #campigliamarittima #suvereto

Questo slideshow richiede JavaScript.